Booking on-line

Il territorio


Levanto è essenzialmente formata da tre differenti momenti di sviluppo. Il primo nucleo è quello medioevale che si sviluppa intorno alla parrocchiale di Sant’Andrea e che vede nell’attuale piazza Da Passano ancora ben presenti i resti del porto canale che, soprattutto durante il controllo dei Genovesi, lo rese uno dei principali porti di riferimento della costa di levante. Dal XIX secolo cominciò lo sviluppo più occidentale del borgo, lo stile liberty degli edifici, di cui l’Hotel Europa è uno dei migliori esempi, caratterizza questa seconda anima. Terzo ed ultimo momento di sviluppo quello del dopoguerra che, soprattutto nelle aree a valle, ha contribuito a dare a Levanto l’attuale assetto urbanistico.

Da non perdere nei pomeriggi dedicati al passeggio alla ricerca degli angoli più suggestivi i già citati resti del Portocanale e della chiesa di Sant’Andrea, la Loggia della Mercanzia, che è sotto la tutela dell’UNESCO, la Torre dell’orologio, l’ex convento degli Agostiniani, ora sede, oltre che dell’Ostello per la Gioventù, della Mostra permanente della Cultura Materiale, la collinetta di Via Guani.

Nella parte Ottocentesca via Garibaldi, piazza Cavour ed il complesso delle Clarisse, ora sede del comune, la chiesa di San Rocco e via Dante Alighieri. Sulle colline di Levanto si trovano dei piccoli paesi vere e proprie perle incastonate negli uliveti e nelle vigne: Chiesanuova, Legnaro, Lizza, Lavaggio Rosso, Pastine, Lerici, Fontona e molti altri, tutti carichi di storie e di antiche leggende.


Il Labirinto Svelato – Scarica la Mappa dei Sentieri